Codice 999 (recensione film 2016)

Codice 999 è un “ruvido” e frenetico film d’azione diretto dal regista australiano John Hillcoat.

Per gli amanti del genere, direi che si tratta di una visione pressoché obbligata: il cast – capitanato da una magnifica Kate Winslet –  garantisce una serie di interpretazioni di alto livello, mentre il ritmo indiavolato si rivela un efficacie strumento a disposizione della sceneggiatura…

 

Codice 999 - film - poster - 2016

 

The Hateful Six

Rapine, ricatti, sparatorie, tradimenti, omicidi e inseguimenti al cardiopalma: sono questi gli ingredienti fondamentali della trama di Codice 999, un film che affronta il tema della corruzione dilagante e della malavita in azione nelle più importanti città americane.

Codice 999 - film - Chiwetel Ejiofor - 2016Micheal (Chiwetel Ejiofor, Doctor Strange) è un ex veterano invischiato in un losco traffico; la sua vita e il suo lavoro dipendono dai capricci della machiavellica Irina (Kate Winslet, The Dressmaker), la potente consorte di un facoltoso boss della mafia russa.

La donna, infatti, ha la possibilità di tenere Micheal praticamente al guinzaglio, soprattutto in virtù dell’insospettabile legame familiare che li unisce, e che può tranquillamente essere riassunto nel nome del piccolo Felix (Blake McLennan), il bambino nato dall’ infelice unione fra l’ex soldato e la sorella di Irina, l’ingenua Elena (Gal Gadot, Wonder Woman).

In una crescente escalation di violenza, segreti, esplosioni e colpi di scena, la banda di Micheal viene messa alle strette dagli sgherri della giunonica matrona, e persuasa dell’insindacabile necessità di mettere a segno una serie di rapine sempre più pericolose, pirotecniche ed efferate.

Codice 999 - recensione - film - Woody Harrelson - 2016Fino a quando, dopo aver chiamato a raccolta i complici Marcus (Anthony Mackie, Captain America: Civil War), Russell (Norman Reedus, The Walking Dead), Gabe (Aaron Paul, The Path) e Franco (Clifton Collins Jr., Westworld – Dove tutto è concesso), l’uomo si spinge al punto di organizzare un colpo dai connotati surreali e impossibili.

Per riuscire nell’impresa, l’amico Marcus dovrà affrontare una scelta difficile, e finire con il coinvolgere il suo nuovo collega, il volenteroso e intrepido Chris (Casey Affleck, Manchester by the Sea), all’interno delle trame infide e disperate intessute dalla loro piccola cricca di criminali allo sbaraglio.

Il compito di fermare il folle bagno di sangue programmato dalla banda spetterà all’improbabile Allen (Woody Harrelson, Hunger Games), un disincantato detective amante del sarcasmo e delle sostanze alteranti…

Tutti gli uomini di Kate

Organizzare tutto questo materiale – riuscire ad assegnare un ruolo importante e significativo a ciascuno di questi personaggi, senza andare a intaccare la struttura complessiva del film – non dev’essere stata un’impresa facile.

Codice 999 - recensione- film - Kate Winslet - 2016Eppure, la sceneggiatura di Codice 999 riesce a centrare perfettamente il suo obiettivo: la più recente pellicola di Hillcoat rappresenta un puro concentrazione d’azione, intrattenimento e adrenalina; un elaborato “artificio” cinematografico, che sa indubbiamente concedere il giusto peso e la giusta rilevanza ai singoli ingranaggi di cui si compone.

Kate Winslet risplende e tiene banco, nei panni della cinica villain moscovita Irina; il resto del cast si adegua ai suoi stratosferici standard al meglio delle rispettive capacità espressive, accettando di buon grado il ruolo imposto dall’elaborato intreccio.

I dialoghi di Codice 999, d’altro canto, lasciano trapelare un’acuta e quasi sconcertante intelligenza.

Codice 999 - film - Casey Affeck - 2016Il ritmo serrato, cupo, non concede alcuna possibilità di tregua allo spettatore; seguire le peripezie di questi oscuri e pericolosi “pendagli da forca” si rivela al tempo stesso un’esperienza ipnotica, energizzante, sgradevole, catartica e profondamente disturbante.

Il film di Hillcoat, insomma, non si sottrae a nessuno dei cliché tipici dei cosiddetti “gritty movies” – quelle particolari pellicole, solitamente di stampo metropolitano/poliziesco, animate da personaggi brutti, sporchi e cattivi –  ma la prospettiva di giocare secondo le regole non sembra affatto disturbare la visione d’insieme del regista, che si dimostra, anzi, perfettamente a suo agio e più che pronto a sfruttare a proprio vantaggio quelle stesse convenzioni narrative che, in altre circostanze, avrebbero potuto benissimo ingabbiare la sua creatività e rischiare di mettere a repentaglio il suo operato.

 

Se ti è piaciuto Codice 999, prova a guardare anche:

Green Room (2016)

Imperium (2016)

Small Crimes (2017)

 

 

Lascia un commento

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. maggio 9, 2017

    […] protagonista di Lights Out – Terrore nel Buio è Rebecca (Teresa Palmer, Codice 999), una ragazza dall’indole burbera, introversa e […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *