Chain Chronicle: The Light of Haecceitas Part 2 (recensione anime 2017)

Su Crunchyroll è disponibile da un po’ il secondo film dell’anime ispirato dal videogioco per mobile, Chain Chronicle: The Light of Haecceitas Part 2. In questa seconda parte l’azione viene messa un po’ in secondo piano (anche se non troppo) per permettere ai personaggi di instaurare dei legami meno superficiali.

Se ancora non avete visto il primo film, trovate la recensione QUI.

Crunchyroll

Chain Chronicle: Haecceitas no Hikari Part 2

Il Morbo Nero

Chain Chronicle: Haecceitas no Hikari Part 2_1Come nel caso del primo film, anche il secondo capitolo di Chain Chronicle inizia con una battaglia. Yuuri, Allam e tutti gli altri si ritrovano coinvolti in un combattimento sotto una tormenta di neve contro i non-morti dell’esercito nemico. Per salvare un’adorabile creaturina, Allam e Yuuri si separano dagli altri e finiscono dispersi.

Mentre il resto dei compagni si reca dalle Fate della Terra e del Fuoco per chieder loro aiuto a cercarli, i due hanno il tempo di rinforzare il loro legame di amicizia. Sfortunatamente, proprio dopo questo momento, la volontà di Yuuri inizia però a vacillare.

L’eroe che tutti amano comincia a non reggere più il peso che porta sulle spalle e il suo lato oscuro non fa che cercare di prendere il sopravvento. Deve perciò combattere contro il Morbo Nero che rischia di inghiottirlo.

Nel frattempo, il clan degli Oni rifiuta l’alleanza con i nostri eroi. Il suo sovrano, Shuza, decide di volere per sé il Chain Chronicle e che sarà lui ad abbattere il Re Nero, solo per poter prendere il suo posto.

Nuovi legami, nuovi nemici

Rispetto al primo, in Chain Chronicle: The Light of Haecceitas Part 2 si è prestata un’attenzione maggiore nei confronti dei personaggi e dei motivi che li spingono a combattere.

Yuuri, che poco aveva detto di sé fino ad ora, ha mostrato una maggiore profondità. Durante questa seconda parte dell’anime scopriamo che la sua voce interiore lo tormenta. Non è un eroe senza macchia e senza paura, e la ferita causata dalla sconfitta subita nella battaglia con il Re Nero è tutt’altro che rimarginata. Il suo personaggio acquista quindi un certo spessore, anche grazie a dei flashback sparsi qui e lì, che mostrano le vicende che lo hanno spinto a diventare un aspirante eroe.Chain Chronicle: Haecceitas no Hikari Part 2_2

Anche Phoena ha ricevuto uno spazio più ampio. Costretta a confrontarsi con i sensi di colpa e con la disperazione in seguito a quello che è stato, a mio parere, un colpo di scena davvero ben calibrato, cerca di spingersi in avanti con un sorriso forzato per non far preoccupare gli altri.

Allam, il protagonista di questo adattamento anime di Chain Chronicle, sta invece cambiando a vista d’occhio. Riesce pian piano a legare con gli altri componenti del gruppo, a partire proprio da Yuuri e Phoena, quando prima non riusciva a fidarsi di nessuno.

Purtroppo l’antagonista principale continua a restare un personaggio piatto e poco interessante, ma, in compenso, acquista nuovi alleati sempre più interessanti.

La lotta contro l’Oscurità

Chain Chronicle: Haecceitas no Hikari Part 2_3La tematica più importante affrontata in Chain Chronicle: The Light of Haecceitas Part 2 è sicuramente la lotta contro la parte oscura di noi stessi. Anche la persona più buona e fiduciosa del mondo, dopo aver subito delle sconfitte, potrebbe abbracciare i pensieri più oscuri che risiedono nel suo animo.

Si tratta di un tema presente anche nel primo, ma qui viene trattato in modo sicuramente più marcato.

Per concludere, ho trovato Chain Chronicle: The Light of Haecceitas Part 2 più interessante e forse un po’ meno scontato del primo. Anche le creature che vengono presentate rendono il mondo in cui è ambientato più originale.

Se ti è piaciuto Chain Chronicle – The Light of Haecceitas Part. 2, potresti considerare l’idea di guardare anche:

The Boy and the Beast

Granblue Fantasy

Lascia un commento

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. febbraio 18, 2017

    […] QUI trovate la recensione della seconda parte. […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *