Other People (recensione film 2016)

Molte testate giornalistiche americane hanno descritto Other People come “uno dei film più ingiustamente sottovalutati del 2016”.

Date queste premesse, potevo resistere alla tentazione di dargli un’occhiata, secondo voi?

 

Other People - film - 2016 - poster

 

L’ordalia di David e Joanne

Other People - film 2016 - Jesse PlemonsIl protagonista di Other People si chiama David, ed è interpretato dall’ottimo attore americano Jesse Plemons. Un volto noto che i fan della straordinaria serie tv Fargo non stenteranno a riconoscere, e che avevamo già avuto modo di intravedere all’interno di parecchie pellicole di successo, da The Program a Black Mass, passando per Spy Kids e Il Ponte delle spie.

David è un ragazzone sulla trentina dall’indole pacata e introversa. Ancora adolescente, ha deciso di trasferirsi in città per poter inseguire il sogno di una vita: coronare la sua passione per la scrittura, e riuscire piazzare una delle sue sceneggiature presso qualche rete televisiva importante.

Per anni si è rifiutato di tornare a casa, nella placida Sacramento, a causa di una serie di aspri dissapori con il padre (Bradley Whitford). Norman, infatti, non è mai riuscito ad accettare del tutto l’omosessualità del figlio, ne’ ad accogliere Paul (Zach Woods), il fidanzato di David, con lo stesso calore dimostrato dalle sue sorelle e dalla premurosa madre Joanna (Molly Shannon).

David si è sempre sentito con le spalle al muro; costretto, in un certo senso, a tagliare i ponti con i suoi parenti e a estraniarsi sempre più dalla tranquilla e intima routine di una vita famigliare, peraltro, decisamente ricca e intrisa d’affetto.

Other People - film 2016 - NetflixJoanna, in un certo senso, rappresenta l’unico collegamento con il passato sul quale possa fare affidamento; quella mamma così vivace, amorevole e presente, che non gli ha mai permesso di scivolare via e di allontanarsi del tutto. Una donna piena di passione, di energia e di vita, che un funesto giorno si scopre affetta da una gravissima patologia alla spina dorsale. Non appena David scopre che alla madre potrebbero restare a malapena pochi mesi di vita, decide di precipitarsi a Sacramento per assisterla e starle accanto.

Ritrovarsi, ancora una volta, a condividere il tetto con il padre e le sorelle gli permetterà di realizzare parecchie cose a proposito di se stesso e dell’amore, sempre così “strano”, sempre così tragicamente imperfetto, che ci lega alle persone cui teniamo davvero…

Una piccola perla…

Prima di Other People, il regista/sceneggiatore Chris Kelly aveva diretto solo cortometraggi. Se ci soffermiamo un momento a considerare l’ovvio (si tratta di un’opera d’esordio!), non possiamo fare a meno di restare a bocca aperta: il suo film riesce a rasentare una maturità e un’intensità a dir poco sbalorditivi.

Trattare un tema delicato come quello proposto dalla sceneggiatura – raccontare l’anno più difficile e doloroso nella vita di una persona, e riuscire a farlo con grazia, semplicità e partecipazione, senza mai trovarsi costretti a giocare la carta “facile” del vittimismo o della pateticità per riuscire a commuovere lo  spettatore…

Other People - film 2016 - Molly ShannonBe’, diciamo solo che si sarebbe rivelato un compito arduo per qualsiasi regista con una vagonata di esperienza professionale supplementare alle spalle!

Other People è un dramma, indubbiamente; ma Kelly non rinuncia alla possibilità di instillare qualche goccia di sottile humor nero qua e là, ne’ a quella di spruzzare un’ammirevole dose di ironia su alcune delle scene più esilaranti, riuscite e dolceamare del film.

Nel momento peggiore dell’inverno, ridi per tenere a bada i lupi, recita un vecchio adagio…

Jesse Plemons, dal canto suo, riesce a mostrare le vulnerabilità e il graduale crollo psicologico del suo personaggio con encomiabile abilità.

Ma chi riesce a stupire davvero, forse, è Molly Shannon: dopo una vita da caratterista, passata per lo più a frequentare intensamente il genere comedy e i set delle sit-com per famiglie più gettonate, l’attrice del Saturday Night Live ha trovato finalmente il ruolo in grado di mettere in luce il suo talento.

Other People, infatti, riesce a tener fede alle sue premesse di imperdibile, brillante e straziante outsider cinematografico soprattutto grazie alla straordinaria interpretazione offerta dalla Shannon. Una prova intensa, emozionante e ricca di sfumature, che varrebbe già – da sola – ogni singolo minuto speso per la visione.

 

Se ti è piaciuto Other People, prova a guardare anche:

I Dont’ Feel At Home in This World Anymore (2017)

La Festa delle Fidanzate (2017)

Blue Jay (2016)

The Meddler (2015)

Divines (2016)

 

Lascia un commento

Potrebbero interessarti anche...

2 Risposte

  1. gennaio 3, 2017

    […] Other People (2016) […]

  2. gennaio 3, 2017

    […] Per leggere la recensione completa, cliccate QUI! […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *