Himouto Umaru-chan (recensione anime)

Himouto Umaru-chan è la storia di una ragazza dalla doppia personalità, che spesso sacrifica la credibilità a favore della comicità. Nonostante sia facile rivedersi nella sua protagonista e il suo essere otaku fin nel midollo, in alcuni casi riesce difficile credere a questo personaggio quasi surreale. Eppure, se si mette da parte questo aspetto e si è decisi a seguire un anime solo per farsi quattro risate, Himouto Umaru-chan può rivelarsi una piacevole visione.

Himouto Umaru-chan - cover

Umaruun!

Himouto Umaru-chan - 1Umaru è una ragazza delle superiori che vive nella casa del fratello, già inserito nel mondo del lavoro. Tutti la considerano un angelo e un prodigio: è bella, a scuola ha sempre i voti migliori, è portata negli sport ed è sempre gentile con tutti. Nessuno, però, a parte suo fratello Taihei, è a conoscenza della sua vera personalità, che assume solo fra le mura di casa.

Non appena rientra a casa e indossa il suo mantello (ne ha una scorta infinita) si trasforma in una versione chibi di se stessa e diventa una pigra, golosa ed egoista otaku.

A suo fratello tocca l’ingrato compito di sopportarla e cercare di renderla una ragazza più responsabile. Molte delle scene principali riguardano infatti questo duo, e la frustrazione del povero ragazzo costretto a rivaleggiare con l’egoismo di Umaru cercherà di strappare qualche risata.

Con l’avanzare degli episodi però ci vengono mostrati altri personaggi, sempre più nel dettaglio, che iniziano pian piano a entrare nelle vite dei due, pur restando inconsapevoli della doppia personalità della protagonista.

Umaru e i suoi amici

Himouto Umaru-chan abbonda di personaggi alquanto improbabili, e Umaru ne è sicuramente l’esempio più lampante.

Nonostante non abbia mai voglia di alzarsi dal letto e non faccia che bere cola e ingurgitare snack di ogni tipo, riesce Himouto Umaru-chan - Kiriea mantenere un ottimo aspetto fisico e una grande prestazione negli sport. Ed è proprio questo dualismo che, per quanto improbabile, fa sorridere lo spettatore (e un po’ gli causa invidia, ma questo è un altro conto). Certo la sua è una situazione surreale, eppure il personaggio rimane sempre fedele alla sua caratterizzazione, mostrando che spesso le riesce difficile vincere sul suo lato “malvagio”.

Taihei invece non ha alcun lato interessante. Lo stereotipo fatto e finito del protagonista maschile: gentile, premuroso, responsabile e bravissimo con i fornelli. Non fa che preoccuparsi per Umaru e il suo modo di fare e, francamente, non si capisce neanche tanto bene il perché: nonostante non sembri, la ragazza è abbastanza responsabile da rimanere sempre la numero uno nel campo scolastico e ha una vita sociale invidiabile. Gli unici momenti in cui lui ha effettivamente ragione a volerla correggere sono quelli in cui la sorella si comporta da egoista estrema.

Per fortuna le amiche di Umaru ravvivano la situazione. Almeno una di loro è quasi sempre presente e tutte hanno la loro caratterizzazione che, per quanto minimalista, riesce a renderle simpatiche. Ebina è probabilmente il personaggio più normale, con un accento da campagnola che ogni tanto sfugge al suo comando; Sylphinford è la più esuberante, sempre pronta a gareggiare su tutto; Kirie è la timidona del gruppo, dallo sguardo spaventoso e caratterizzata dall’incapacità di parlare con chiunque.

E per ultimo c’è Bomber, un collega del fratello di Umaru e fratello maggiore di Kirie, che compare relativamente poco ma che regala diversi momenti divertenti.

Una comicità ripetitiva

Himouto Umaru-chan - 3Himouto Umaru-chan è uno slice of life nella sua forma più pura. Ogni episodio mostra alcune giornate della protagonista, alcune passate in compagnia delle amiche e altre da sola in casa con il fratello.

Se da un lato la varietà dei personaggi permette un rinnovo delle battute abbastanza frequente, dall’altro è vero anche che non si può dire lo stesso dei protagonisti principali. Alla lunga le loro scenette diventano ripetitive, girano tutte attorno all’egoismo di Umaru e non tentano di innovarsi più di tanto.

Altro tasto dolente sono tutti quei momenti dedicati solo a Taihei. Non hanno nulla di divertente e non aggiungono dettagli interessanti per il personaggio, francamente mi hanno soltanto annoiata.

In definitiva però, è un anime che nonostante tutti i difetti funziona e che di sicuro è da provare. Se i primi episodi piacciono, allora continuatelo e lasciatevi conquistare, altrimenti non sperate in uno sviluppo improvviso: Himouto Umaru-chan si presenta fin da subito così com’è, nel bene e nel male.

 

Se ti è piaciuto Himouto Umaru-chan, potresti considerare l’idea di guardare anche:

Relife

Flying Witch

Magic of Stella

Salva

Salva

Lascia un commento

Potrebbero interessarti anche...

2 Risposte

  1. dicembre 28, 2016

    […] Himouto Umaru-chan […]

  2. gennaio 2, 2017

    […] Himouto Umaru-chan […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *