Spectral (recensione film Netflix 2016)

Spectral è il film d’esordio del regista Nic Mathieu. È stato rilasciato su Netflix, in contemporanea globale, lo scorso venerdì.

Si tratta di un adrenalinico e avvincente sci-fi, ambientato in una delle “war zone” più calde e pericolose del mondo.

Il cast, capitanato da Emily Mortimer e James Badge Dale, comprende anche Bruce Greenwood e Max Martini.

Spectral - Netflix - film 2016

 

Soldati, scienziati pazzi, e “anomalie iperspettrali”

Spectral - film originale Netflix - 2016 - recensioneMoldavia, giorni nostri. Una squadra speciale dell’esercito americano è stata inviata a occuparsi della sanguinosa guerra civile in atto. Le operazioni procedono più o meno come sempre, fra un attentato e un colpo di Stato, una schermaglia con i ribelli e una violenta reazione da parte del regime.

La popolazione civile patisce per le strade, mentre i cosiddetti “pacificatori” cercano di tenere la situazione sotto controllo.

Sennonché, un bel giorno, uno dei soldati si imbatte in qualcosa di inspiegabile. Una presenza ectoplasmatica che aleggia per le strade, sfarfallando eterea ai margini del suo campo visivo, e perfettamente invisibile a occhio nudo.

La creatura non si avvicina subito. Il militare è sorpreso, confuso, perplesso, curioso. Dopo aver allertato i suoi superiori, prova a fare un passo avanti… e la cosa ne approfitta per sfrecciare verso di lui, passandogli attraverso e uccidendolo sul colpo.

A poco a poco, le viuzze in rovina e i viali cosparsi di detriti della città si colmano di questi “spettri”, queste presenze silenziose e letali.

Nessuno è in grado di spiegare la loro comparsa o natura. Le superstizioni locali cominciano a risvegliarsi: le persone, sempre più spaventate, chiamano le creature “Aratare”, associandole ai folcloristici “fantasmi della guerra” moldavi.

Per gli americani, invece, si tratta del frutto di qualche oscura tecnologia nemica. Tute mimetiche, come suggerisce la dottoressa Madison (Emily Mortimer, Dear Frankie), o magari qualcosa di ancora più avanzato.

Il dottor Clyne (James Badge Dale, 13 Hours), invece, la pensa in modo diverso. Abile ingegnere al servizio del governo, esperto MacGyver sempre pronto a risolvere la situazione a colpi di arguzia e fortuna, il nostro protagonista è stato inviato in Moldavia al solo scopo di venire a capo dello spinoso problema.

Quello che nessuno poteva immaginare, in patria, era che la situazione sarebbe degenerata in fretta. E che ben presto Clyne e la Madison, insieme al resto dei soldati americani, si sarebbero trovati invischiati in una feroce lotta per la sopravvivenza, dall’inspiegabile e misterioso retrogusto sovrannaturale

La trasposizione di un videogame mai realizzato

Spectral - film scifi - Netflix 2016Rievocando la trama di Spectral, la cosa che più salta all’occhio è la sua straordinaria affinità con quella di un qualsiasi FPS per console o pc.

La sceneggiatura, ad esempio, riesce a dispensare diverse sorprese e momenti di tensione, ma non si concede mai di esplorare in profondità alcuna tematica. I personaggi, appena abbozzati, rispondono a precise necessità narrative e non riescono a instaurare relazioni degne di nota.

In realtà, persino le singole inquadrature – realizzate sempre in modo tale da accentuare l’effettiva spettacolarità dell’azione, o addirittura in soggettiva – ricordano quelle di un classico sparatutto in prima persona.

L’unico ruolo femminile, affidato alla Mortimer, risulta stereotipato e pesantemente compromesso dalla logica “tutt’azione, nessuno spazio per le sfumature” che sottintende all’intero progetto.

Eppure, ai miei occhi Spectral si è confermato come un film particolarmente divertente. La competenza tecnica che si nasconde dietro alla sua produzione gli offre innegabilmente un grosso elemento di vantaggio.

Per di più, i riferimenti ad altre opere dello stesso genere, come Alien, Edge of Tomorrow, La Quinta Onda o L’Ora Nera, basterebbero, anche da soli, a renderlo un titolo particolarmente appetibile per qualsiasi appassionato.

Gli effetti speciali di Spectral

Spectral - Netflix - recensione - film - scifiCiò che più mi spaventava, tenendo in considerazione il “modesto” processo di gestazione alla base di Spectral, era la concreta possibilità di ritrovarmi al cospetto di un B-movie da quattro soldi.

Letteralmente.

E invece, la buona qualità degli effetti speciali è riuscita a sorprendermi. Merito senz’altro delle due grandi case di produzione coinvolte nel progetto, la Legendary Pictures e la Universal. Gli stessi due colossi che, unendo budget e risorse, sono riusciti a portare sui nostri schermi il sontuoso Crimson Peak di Del Toro, per intenderci.

Perciò, se siete in vena di una visione particolarmente incalzante, dinamica, spettacolare e scaccia-pensieri, vi consiglio di concedere tranquillamente un’opportunità a Spectral.

E’ persino possibile che, in futuro, avremo la possibilità di sentire ancora parlare di Nic Mathieu. Si vocifera, infatti, che il regista abbia in ballo un accordo con la Warner Bros, per la direzione di una misteriosa space opera chiamata The Wind.

Come sempre, soltanto il tempo sarà in grado di fornirci ulteriori informazioni al riguardo….

 

Altri Film Originali Netflix recensiti:

La Scoperta

Coin Heist

Divines

Clinical

Autobiografia di un finto assassino

7 Años

Imperial Dreams

iBoy

Sono la bella creatura che vive in questa casa

La Battaglia di Jadotville

Mercy

Sword of Destiny

Lascia un commento

Potrebbero interessarti anche...

15 Risposte

  1. dicembre 11, 2016

    […] Spectral […]

  2. dicembre 11, 2016

    […] Spectral […]

  3. dicembre 11, 2016

    […] Spectral […]

  4. dicembre 11, 2016

    […] Spectral […]

  5. dicembre 11, 2016

    […] Spectral […]

  6. dicembre 11, 2016

    […] Spectral […]

  7. dicembre 11, 2016

    […] Potete leggere la recensione completa cliccando QUI! […]

  8. dicembre 20, 2016

    […] Spectral (2016) […]

  9. dicembre 21, 2016

    […] Spectral […]

  10. gennaio 21, 2017

    […] Spectral […]

  11. febbraio 4, 2017

    […] Spectral […]

  12. febbraio 27, 2017

    […] Spectral (2016) […]

  13. marzo 1, 2017

    […] Spectral […]

  14. marzo 2, 2017

    […] Spectral […]

  15. aprile 8, 2017

    […] Spectral […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *